RECENSIONI
Stai Leggendo
Recensione KUOTA KOUGAR: la bici da corsa che strizza l’occhio al Triathlon!
0

Grazie all’ufficio stampa di Kuota, eccomi pronto a parlarvi della Kuota KOUGAR e del Test Ride fatto.

L’appuntamento è fissato per venerdì alle ore 14,00. Non perdo tempo mi preparo e mi dirigo presso gli stabilimenti kuota di Villasanta.Kuota kougar 1 (BIke Blog) All’arrivo vengo accolto da Pietro Responsabile Comunicazione, dopo due parole mi porta subito in officina. Maschero a fatica il sorriso.

I meccanici di Kuota la stanno preparando, è li, ed è molto bella.

Scambio due parole con il meccanico mi dice che la nostra Kougar è equipaggiata con cambioShimano Ultrega Di2 11V, che per i non addetti ai lavori vuol dire, Cambio Elettronico. Mentre con mani sapienti i meccanici regolano il cambio, noto le pulizie delle linee di questa “Ragazza“.Kuota kougar 4 (BIke Blog)Kuota kougar 13 (BIke Blog)

Ad un certo punto mi chiedono che ruote mettiamo? La mia risposta è stata: “aggressive”, alla fine quando è pronta noto con piacere che mi hanno preso alla lettera, La nostra Kougar monta delle ruote Dedaelementi Full Carbon ad altissimo profilo da 88mm.Kuota kougar 6 (BIke Blog)

Ci Siamo è tutto pronto, non mi resta che pedalare.Kuota kougar 15 (BIke Blog)Kuota kougar 16 (BIke Blog)Kuota kougar 14 (BIke Blog)

Sapere di andare negli stabilimenti Kuota ed uscire con una kougar ti fa venire tanta voglia di pedalare e così ho fatto!Kuota kougar 7 (BIke Blog)

Non perdo tempo l’indomani mattina già dalle 6:00 sono pronto a far girare le gambe.Kuota kougar 9 (BIke Blog)

Fin dalle primissime pedalate la Kougar mi da un bel feeling positivo, come se l’avessi sempre cavalcata, nonostante i cerchi Dedaelementi dal profilo importate, è molto agile, anche nei cambi di ritmo, grazie ad una leggerezza strutturale che il carbonio utilizzato le dona  e che fermano la bilancia così come la vedete a soli 7,620 kg, con le prolunghe e il portaborracce. Anche se con qualche piccolo accorgimento sicuramente si può risparmiare qualcosa in termini di peso, a noi non importa. La ragazza si comporta bene anche in salita, nonostante le ruote da 88 mm non siano pensate proprio per arrampicarsi.

La Kougar in questa configurazione è fatta per “tirare”, dalla prima all’ultima pedalata. Mi sono divertito parecchio a spingere sui pedali e la sensazione che più mia ha stupito è quella che ogni singolo watt messo dalle mie gambe sui pedali, venga trasferito dalla Kougar senza alcuna dispersione di energia sull’afalto. Proprio una bella sensazione. Del resto è proprio nel triathlon che il risparmio di forze si traduce in una performance migliore….Kuota kougar 19 (BIke Blog)

Gli ingegneri di Kuota conoscono molto bene questi argomenti, ed è proprio con questo concetto che la kougar è stata realizzata, por portarvi veloci e sicuri alla terza frazione, senza dispersione di forze e inerzie e nel migliore modo possibile.

Non vi nego che più volte ho cercato di mettere in difficoltà la Kougar, anzi a dire il vero, ci ho provato in tutti i modi. Risultato? IronMario orecchie basse e pedalare…..

Sul dritto, mentre sudavo per spingerla da solo e senza scia a circa 47 km/h, lei era stabile come se stesse passeggiando, sembrava volesse dirmi “allora giovane tutto qua?” Però con che facilità si raggiungono certe velocità, non vi nego che con la mia Kharma faccio molta più fatica.

In salita, in tutta onestà non ho avuto modo di approfondire con salite impegnative, per la configurazione scelta in origine, ruote ad altissimo profilo e tubo sella girato in posizione avanzata per il Triathlon.
La Kuota Kougar ha la possibilità di girare il tubo sella e sdoppiare l’utilizzo della bici, arretrato e in posizione più stradale o da gran fondo, oppure, posizionato in avanti rispetto all’asse quindi più da triathlon, in modo da potersi distendere sulle prolunghe. Nonostante ciò per le salite affrontate si è dimostrata agile e maneggevole anche pedalando sui pedali, chissà come vola con un profilo più basso…

In discesapensavo che la musica sarebbe stata differente, sono un po’ spericolato e grazie alla stazza e all’esplosività che ho, ero sicuro di metterla ai ferri corti. La “Ragazza” invece si è dimostrata sincera, precisa e rotonda nell’approccio ai tornanti e nelle curve più strette, dove arriva come una rasoiata dal rettilineo e si ferma molto molto bene, grazie al sistema di freni aero integrati dietro la forcella anteriore e sotto la scatola del movimento. Anche qui nulla da fare ci vuole ben altro per metterla in crisi, ora capisco perché gli Atleti PRO la scelgono per gareggiare….. Chissà cosa potrei combinare se provassi una TT o se la portassi in gara…..

Alla fine del nostro test, dopo aver pedalato solo con il sorriso, non mi resta che fermami, metterla li e godermela come un quadro nella natura.Kuota kougar 10 (BIke Blog)

Cara Kuota kougar mi hai stregato, è così che ti vorrei, con questi cerchi estremi, non cambierei nulla.Kuota kougar 2 (BIke Blog)

DATI TECNICI E PREZZI:
Kuota kougar 20Kuota kougar 21

Non mi resta che ringraziare tutto lo staff Kuotacycle per l’estrema disponibilità.

Io mi sono divertito molto, speriamo che leggendo questo articolo vi venga un po’ voglia di pedalare, al prossimo test ride.

Potete trovare ulteriori informazioni sul sito Kuota  inoltre vi invito a fare un giro nello STORE UFFICIALE di Kuota, dove potrete trovare moltissimo materiale, come ad esempio il completo da me utilizzato durante la prova quindi l’abbigliamento, i componenti, gli occhiali e l’usato ufficiale.

Sempre a tutta!

IronMario

 

Valutazione
Bike Blog
Lettori
Rate Here
QUALITà
COMPORTAMENTO
PREZZO
Bottom Line

Se cercate un prodotto unico che con poche mosse sdoppi la sua natura, Kuota Kougar è la risposta.

Bike Blog
Lettori
2 ratings
You have rated this
La tua reazione?
lO AMO
0%
INTERESSANTE
0%
MI PIACE
0%
NON MI PIACE
0%
lO ODIO
0%
TRISTE
0%
About The Author
Mario Giaquinta